Skip to content

Chi pagherà la pensione di Bossi?

18 novembre 2008

Se dovessi impostare uno “stato d’anima” a questo post lo metterei su “impossibile”.

Da una parte sono contentissimo per i mille visitatori di “parliamoci” in poco più di una settimana. Dall’altra parte, sono molto amareggiato del fatto che parte dei politici e dei giornalisti non hanno imparato niente dal passato. Tutto quanto mi sembra una goccia nell’oceano.

Bossi salutando lInno di Mameli

Bossi "salutando" l'Inno di Mameli

Comunque, non ho la pretesa che questo blog può cambiare più di tanto. Ma mi accontento di poco.

Quindi “il senatur” Bossi mi esce alla rampa dicendo che gli immigrati, nella sua visione, sono una risorsa negativa. Esattamente al contrario di come ha riferito il presidente Napolitano. Come immigrato posso (ma non voglio) lasciar perdere l’evidente atto di sfida indirizzato al presidente della Repubblica. La stessa Repubblica di cui Bossi è senatore eletto e ministro. Eppure da questa posizione, il vilipendio oppure l’offesa all’Inno nazionale sono da considerarsi normali per uno come Bossi. Oltre a comportarsi con il presidente Napolitano come con un vecchio rincoglionito.

Non perdo, né il vostro, né il mio tempo, a cercare una spiegazione per le parole di Bossi. Non vale la scritta. Gli immigrati producono il 9% del PIL italiano, q.b. per essere tutt’altro che risorsa negativa.

C’è poi da notare la velocità con la quale i media italiani hanno riportato le parole di Bossi. “Immigrati – risorsa negativa” fa notizia. E come “mezza punizione”, hanno dovuto riportare anche le parole di Napolitano (“immigrati risorsa preziosa” – che prima non avevano riportato) per dare un senso alla polemica.

Annunci
One Comment leave one →
  1. 18 novembre 2008 19:12

    Commento ascoltato sul trenino pendolare stasera:
    viaggiatore 1: Ma sta storia che l’Italia è sempre più razzista, perchè continuano a insistere con questa ca**ta?
    viaggiatore 2: Ah, tu lo sai? Se fossimo razzisti, li terremmo tutti qui? A vivere come nababbi e rubare e ammazzare?
    viaggiatore 1: Appunto. In Germania li sbattono fuori tutti, oppure li mettono nei campi di concentramento se sgarrano.
    viaggiatore 2: Cosi si fa. Non se ne puo’ più di tutto sto casino che fanno.

    La cosa più triste? Non era un dialogo tra due vecchi leghisti frustrati, ma tra due studentesse belle, sorridenti e con sulle borse in bella vista diverse spille che attestavano la loro fede cristiana.. dal solito pesce a “Io sto con Gesu”, da “Io c’ero al meeting dei giovani a Cologna” a “Movimento Studenti Cattolici”.

    Se questo è il futuro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: