Skip to content

Ufficio stampa del Comune di Milano in cerca di “odience”

17 dicembre 2008

Cosa possiamo pretendere dall’Ufficio stampa del Comune di Milano? Imparzialità forse? Ecco uno dei comunicati stampa cosi come lo ricevono anche miei colleghi italiani: col romeno ben in vista, anche se nel testo ci sono altri due stupri, uno di un italiano e un altro ai danni di una ragazza cinese ma non si sa di chi. Mi sono comunque permesso di evidenziare l’evidenza.


STUPRO VIA BREDA, CONDANNATO ROMENO; DE CORATO: “RISARCITO COMUNE DI MILANO”
Nuova vittoria della città nella battaglia contro la violenza alle donne

Milano, 16 dicembre 2008 – “Una nuova vittoria del Comune di Milano e della sua avvocatura. Solo quindici giorni fa, il Comune aveva avuto un risarcimento di diecimila euro a seguito della sentenza di condanna in primo grado, a cinque anni, di un italiano accusato di aver stuprato una ragazza marocchina. Ora il nuovo risarcimento per danni patrimoniali e morali che conferma come Milano abbia saputo aprire una nuova via per contrastare l’escalation degli stupri: quella di costituirsi parte civile e affiancarsi alle vittime”.

Lo dichiara il vice Sindaco Riccardo De Corato a seguito della sentenza di condanna in primo grado e con rito abbreviato a 8 anni e 8 mesi a carico di un romeno di 27 anni accusato di aver violentato nel maggio scorso una ragazza italiana di 19 anni dopo che era scesa dall’autobus nei pressi di via Breda. Il Comune di Milano, che si era costituito parte civile, ha ottenuto un risarcimento di ventimila euro, il più alto finora liquidato a favore di un Comune in un processo per violenza sessuale.

“Si susseguono – afferma De Corato – le decisioni dei tribunali favorevoli al Comune. Lo scorso aprile il Comune era stato risarcito per danni patrimoniali nel processo di secondo grado per lo stupro di una ragazza aggredita nel febbraio 2006 nel parcheggio della stazione metropolitana di Bisceglie. Qualche mese dopo, in luglio, per la prima volta in una sentenza di condanna, un giudice ha riconosciuto a un ente locale, che si è costituito parte civile in un processo per stupro – quello subito da una cinese al Parco Lambro – un risarcimento sulla base dei servizi che il Comune da anni ha messo a disposizione delle donne che hanno subito violenza. E, fatto ulteriormente innovativo, è stato riconosciuto anche un danno all’immagine”.

“Milano – sottolinea De Corato -, forte di questi positivi risultati sul piano giudiziario, continuerà questa battaglia di civiltà in difesa delle donne. La spinta all’impegno in questo campo ci è data anche dall’entusiasmo con cui sono state accolte le sei edizioni dei corsi di autodifesa femminile Cintura Rosa organizzati dall’Assessorato alla Sicurezza in collaborazione con l’Assessorato alla Salute, e frequentati complessivamente da ben 1364 partecipanti. Numeri che ci hanno spinto a proseguire anche per il prossimo anno in questa come in altre iniziative”.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. 17 dicembre 2008 11:27

    Bhe, se non altro l’italiano è al primo posto.. ma chi ha violentato la cinese non lo dicono? Quello che comunque non mi piace è che citano solo i casi dove sono coinvolti stranieri, come vittime O stupratori, come per dire “dove ci sono gli stranier, succede sempre qualche guaio”. Sono convintissima che ci sono molti, moltissimi casi dove italiani violentano italiane.. ma non fa notizia, succede tutti i giorni, dovunque..

  2. MAURIZIO permalink
    17 dicembre 2008 13:07

    Uè Cornel… vard che Milan l’è gran Milan 😀 Lè una città che ciapa tuti i brighelun che fan casin ! 😀 😀 Mica come in Romania, qui, patapim e patapam, tuti queli che fan i furb ! Come dice Maroni, vigilanza al massimo teh! Sempre attenti a Milan al rumen birichin!

  3. MAURIZIO permalink
    18 dicembre 2008 13:58

    Seriamente Cornel, dammi un parere su questa notizia:
    http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Piemonte.php?id=3.0.2827483411

  4. 19 dicembre 2008 15:01

    Mah…

    Il Comune di Milano “spara due conigli con un solo colpo” come si dice in romeno. Cioe’ : sottolinea la “crisi sicurezza” dovuta agli romeni e ottiene i suoi fondi per la difesa delle donne.

    Balle.

    Ecco qua’ (attenzione: materiale lunghissimo):

    http://forum.panorama.it/viewtopic.php?id=3943

  5. 5 gennaio 2009 11:11

    Maurizio,

    So la storia, mi è capitato pure di scrivere al riguardo. Cito un mio carissimo amico: “Fa più rumore l’albero in caduta che la foresta che cresce” ed aggiungo; gli imbecilli si trovano dappertutto. Non ho altre parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: