Skip to content

Parliamoci non è luogo di polemiche

7 gennaio 2009

Nel post precedente ed in questo articolo su http://www.adevarul.ro ho toccato (in tutta consapevolezza) un argomento delicato. L’intreccio di persone, interessi ed orgogli creato attorno l’associazionismo romeno. Non perché ci voglio entrare (mi tengo fuori da più di nove anni) ma per dovere professionale.

I fatti. Un importante quotidiano italiano pubblica dati errati sui romeni con il giro di un personaggio noto nella comunità. Dovevo chiudere un occhio? Stando al parere di qualcuno, si. Al mio avviso, no.

Adesso vi spiego anche il perché in modo che vi risparmiate le “tastate” per ore e ore. Ho messo su questo blog per aiutare la comunità romena. Lo considero un aiuto più valido di qualsiasi spettacolo folcloristico ambientato nei tempi remoti. Oppure delle tre sarmale buttate in una casseruola da una pentola tutta unta e mangiate in piedi dai figli della miglior cucina al mondo.

Quindi, Parliamoci è un posto dove si può prendere dignitosamente la posizione quando i romeni subisco un torto e non un posto per le polemiche. Non porta il mio nome perché non tengo ad essere unico autore. Da ritenersi un invito per chi ci crede.

Mi permetto di rispondere qui anche a Sig. Germani che cortesemente ha pubblicato un commento al post precedente. Se sfoglia questo blog noterà che dentro il mio cuore ci tengo alla comunità romena. Cosi come è. Ma è un mio problema questo. Non c’entra niente con il mestiere che faccio. Mi sento un po’ preso per i fondelli quando devo ripetere ad una persona intelligente come lei che le due cose sono diverse. No, io non ho l’intenzione di distruggere l’aiuto che lei porta alla nostra comunità. Io riporto dei fatti accaduti. Se lei chiederà un diritto alla replica al quotidiano “Il Giornale”, sarò contentissimo a pubblicarlo anch’io. Non vedo il problema, non vedo cosa distruggo.

Comunque domani, se trovo un po’ di tempo, mi metto in contatto con il collega Viaggio per informarlo personalmente del errore. Perché PERSONALMENTE ci tengo all’immagine dei romeni.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. 8 gennaio 2009 11:08

    Salve,sicuramente anche io invierò i dati che abbiamo rilevato al Suo collega Viaggio.
    Come Lei sà non è facile per la comunità uscire sui giornali italiani se non quando se ne può parlare male quindi ritengo che se si valuta l’articolo del Giornale in un ottica complessiva mi pare che l’esito sia positivo.
    Almeno questo è il parere che molti mi hanno dato ma rispetto le opinioni diverse anche se il titolo che Lei ha voluto riservarmi attira l’attenzione su di me e su alcuni dettagli dell’articolo più che sull’aspetto propositivo che
    volevamo far emergere.
    Comunque dalla telefonata intercorsa ho rilevato che abbiamo due caratteri simili e quindi non ho alcuna intenzione di polemizzare,accetto la critica anche se l’attacco personale è evidente nel titolo dell’articolo che Lei mi ha voluto dedicare.
    Preciso che io non mi sono mai definito rappresentante della comunità,titolo attribuitomi da lei e da altri,io sono il Presidente di un Partito che ho contribuito a fondare che è nato dalla convinzione di alcuni romeni ed taliani che sia necessario che la comunità romena abbia maggiore peso sociale e politico per pootersi integrare con succesos in Italia come tutti ci auspichiamo.
    Quindi noi rappresentiamo soltanto quelli che condividono il nostro progetto,avere un nome che fà riferimento alla Identità romena non vuol dire che vogliamo o dobbiamo rappresentare tutti,ci mancherebbe altro.
    Il problema vero è che esiste una mancanza di rappresentanza e le stesse istituzioni italiane ci hanno manifestato molte perplessità perchè vorrebbero fare di più e meglio ma non sanno con chi farlo perchè come trovano un partner di dialogo subito tutti si affrettano a delegititmarlo,lui non mi rappresenta,lei non mi rappresenta etc.ma se nessuno rappresenta nessuno si arriva ad essere un m ilione e mezoz ed a non contare un fico secco di niente in nessun campo.
    Vedrà se leggerà l’ultimo libro di Bruno Vespa che troverà citato il Pir ed il sottoscritto in una dichiarazione del 1 novembre 07,subito dopo il caos Mailat e quindi spero capisca che io tutto voglio fare meno che incurcare alcunchè e che sono e siamo pronti a farci da parte per chiunque sappia fare meglio di noi.
    Sinceramente noi del Pir visto che non abbiamo alcun finanziamento da nessuno siamo più che fieri di quello,poco,che siamo riusciti a fare e se i giornalisti chiamano qualcuno è come Lei ben sà perchè non possono chiedere il parere ad un milione di persone.
    Se non si inizia a far capire l’importanza di avere una rappresentanza e si tende a gettatre sale sull’erba bruciando ogni germoglio si lascia il campo a chi dietro le associazioni fà affari con mici e bere fregandosene della dignità romena o và negli ospedali in cerca di sinistri mortali o cadaveri di connazionali da vendere contro percentuale ad avvocati ed imprese funebri italiane.
    Ho capito che nessuno dei 2 vuole questo quindi mi auguro che la stampa romena aiuti a fare emergere quella classe dirigente che manca e della quale se ne sente un grande bisogno.
    Con stima.

  2. MAURIZIO permalink
    8 gennaio 2009 13:34

    Però.. adesso (pacatamente..serenamente.. 😀 ) io non conosco l’ avv. Germani, da quel poco che leggo negli svariati forum italo romeni ecc ..insomma noto che si sbatte non poco a favore dei romeni ..poi legittimo .. c’è chi condivide chi no come su tutte le cose…., comprendo anche che se x per ipotesi anch’io fossi immigrato altrove in un paese straniero, me e la mia comunità gradiremmo maggiormente “esser rappresentati” e/o nel caso dell’intervista ,da un ns connazionale…

    Detto ciò, mi accodo un po’ a quello che sottolinea lo stesso Germani cioè….chi c’è di altri? Ad es,tempo fa mi ero preso la briga di leggere il sito di Marian Mocanu..anche lui non lo conosco ma mi pare un personaggio di qualità…

    Cornel, amichevolmente ti dico, fai bene a sciabolare alcuni ( o molti) miei connazionali giornalisti che sparano alla cieca sui romeni con cifre magari prese dal cilindro di un prestigiatore..e io sono con voi , però ripeto in tutta onestà questo articolo mi è parso un po’ più ragionato rispetto ad altri prefabbricati ad arte..come si dice…

  3. Preda permalink
    8 gennaio 2009 13:47

    Senta avvocato, Lei è proprio stupendo…Credevo che quest’immensa sfrontatezza e totale immunità verso la realtà caratterizzino soprattutto parte dei miei connazionali, ma vedo che anche Lei non resta per niente indietro. Ovviamente, non avevo mai sentito di Lei fino à l’altro ieri. Poi, mi è bastata una mezzora indagare sul web per scoprire chi è, l’ho descritto in un mio post di ieri.
    Oggi, Lei viene con un discorso prolisso, autoreferenziale, anzi autistico, confermare tutto ciò che già credevo aver capito su di Lei. È proprio schiacciante la sua capacità di distorcere la verità, mentire, falsare la realtà. Ha un discorso degno di un spin doctor.

    Lei scrive: “se si valuta l’articolo del Giornale in un ottica complessiva mi pare che l’esito sia positivo.” Ma è proprio allucinante, questa. Un articolo ripieno di disinformazioni infame, umiliante e falso, possiede comunque “un esito positivo”, certo, se lo contempli “in un ottica complessiva”…

    La presa di posizione di Sig. Toma, appoggiata da molti, non voleva “attirare l’attenzione” su di Lei, come in modo ridicolo s’illude, bensì su un’infamia mediatica di più contro i romeni, compiuta con la sua incondizionata complicità. Lei cerca di minimizzare il suo dannoso contributo, parlando di “alcuni dettagli dell’articolo”. In realtà si tratta della propria e vera sostanza dell’articolo, che Lei ha alterato in modo consapevole e vergognoso.

    Lei scrive: “le …istituzioni italiane …come trovano un partner di dialogo subito tutti si affrettano a delegittimarlo”. Ma come mai le “istituzioni italiane” trovano per caso, ogni volta, proprio Lei, come partner !? Qui non si tratta di delegittimare Lei, perche Lei, la legittimità non lo possiede. Si tratta solo di richiamare l’attenzione su atteggiamenti pubblici dannosi per i romeni, che Lei assume proprio in nome di quest’ultimi.

  4. 8 gennaio 2009 13:54

    Caro Maurizio,

    Tu hai ragione in parte. So che alcuni giornalisti hanno sparato a zero sui romeni ed alcuni lo fanno ancora perché non hanno notato che la guerra è finita da un pezzo.
    Da questo punto di vista dovrei essere contento. Ma non lo sono perché io ho letto l’articolo in un’altra chiave. Mi riferisco alla parte iniziale dell’articolo (non voglio approfondire le basi della comunicazione scritta, ma la maggior parte dei lettori di un giornale non percorrono un articolo per intero se trovano un’informazione considerata soddisfacente all’inizio) dove è scritto che abbiamo riempito le carceri italiane. Le cifre innanzitutto…
    Mi assumo l’opinione di considerarlo un articolo “non molto negativo” ma aggravato del fatto di aver citato un esponente della comunità.

  5. MAURIZIO permalink
    8 gennaio 2009 14:29

    Mi riferisco alla parte iniziale dell’articolo (non voglio approfondire le basi della comunicazione scritta, ma la maggior parte dei lettori di un giornale non percorrono un articolo per intero se trovano un’informazione considerata soddisfacente all’inizio) dove è scritto che abbiamo riempito le carceri italiani.

    E lo so.. hai ragione… anche il titolo stona un pò.. già..

    Comunque..dai guarda anche il lato positivo..
    ..l’odience del blog è in forte aumento 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: